Crea sito

>>Settore Giada – Notturno

Settore Giada è un progetto musicale di Ali Salvioni(vocals, basso, Hang, FX, Organotronic Pedal), progetto musicale che può essere collocato in vari generi: ambient, dream-pop, post-punk etc.

Dalla pagina facebook di Settore Giada leggiamo che: “Settore Giada risveglia in un viaggio ipnotico attraverso oscure realtà metropolitane e malinconici paesaggi le immagini sottili e sconcertanti dei sogni lucidi”. Infatti, la musica di questa band di Zurigo punta tutta la sua forza sulle parole e su una ricercatezza sonora maniacale.

Settore Giada – Notturno

Nel 2015 è uscito “Notturno”, ultimo album della band. Di questo album fa parte Nero. Canzone dalle atmosfere elettroniche alquanto tetre e cupe che si sposa con un testo alquanto poetico. Settore Giada cerca di esprimere il vuoto della società postmoderna con suoni alquanto post-punk e moderatamente dark. In questa canzone si trasmette il “nero” dell’animo umano, nero sfumato ed evanescente di una dimensione oltremodo onirica e surreale.

Fermati con me presenta suoni dolci e delicati che trasmettono mondi fanciulleschi. In questa canzone si respira un’aria sognante che travolge l’ascoltatore e lo incanta. Paesaggi sonori inusitati contraddistinguono questa canzone. Poi c’è Olmi, canzone caratterizzata da un’atmosfera rarefatta e impalpabile.

Schermata del 2016-02-21 12:16:50

C’è del prezioso nella musica di questa band, prezioso che si fonde con l’eleganza e con una poesia di indefinita bellezza. Ci sono anche suoni che ricordano l’Oriente in Settore Giada, suoni esotici di un mondo pregiato e cangiante. La musica di questa band descrive anche l’abisso di una dimensione spazio temporale lontana ed inafferrabile. C’è, inoltre, tanta luce e splendore in alcune canzoni, luce e splendore che investono l’ascoltatore.

Mangaman presenta dei tappeti sonori che sembrano tradurre in musica sensazioni evanescenti e sfumate, sensazioni e percezioni di un qualcosa che non si può decifrare. Quanta profondità e intimità c’è in questa band di Zurigo. Vuoto e inconsistenza sembrano predominare in questo pezzo.

Kiss me presenta dei suoni industrial alquanto irruenti che si uniscono alla solita ambientazione post-punk che ritroviamo nella maggior parte delle canzoni. Invece, in Seven, all’inizio della canzone, ci sono dei suoni secchi e rigidi. Poi si aggiungono altri strumenti e la canzone si apre. Un’aria inquietante si respira in questo pezzo.

In Bought Myself a Gun c’è una voce robotica che descrive una situazione da fumetto surreale e noir. Poi un basso penetrante imprime alla canzone forza ed energia. In Settore Giada c’è un perfetto connubio tra parole e suoni, connubio magico e sopraffine, connubio oltremodo riuscito. Notturno descrive una scena da film sci-fi con suoni elettrici particolari ed originali. Anche qui ritroviamo suoni industrial, una delle tante costanti di Settore Giada.

pagina facebook