hamsas xiii – *​*​*​de novo​*​*​*

Oggi vi presentiamo le sonorità alquanto gothic di hamsas xiii, band canadese che vede la collaborazione di Rich W (The Wake) e Robyn Bright (Cockatoo). Costoro offrono un sound oscuro, arcano, ancestrale, un sound a tratti anche tanto evocativo e mistico. System failure ha ascoltato il loro disco dal titolo *​*​*​de novo​*​*​* e quelle che seguono sono le nostre impressioni a riguardo.

*​*​*​de novo​*​*​* è un disco per chi ama la cupezza e l’oscurità, per chi ama sonorità che hanno a che fare con il lugubre, con il funereo. Non solo. Ascoltiamo sonorità in stile The Sisters of Mercy, The Cure o Siouxsie and the bansheees in questo stupendo album dai tratti alquanto foschi e nebulosi.

Si intrecciano gothic rock, gothgaze, alternative rock, postpunk e new wave nella musica di hamsas xiii, musica sopraffine, raffinata, incredibilmente pungente e ammaliante. Non mancano sonorità orientaleggianti nella musica di questa band che ha il potere di stupire anche l’ascoltatore più distratto. Costoro ci portano in un viaggio epico verso una dimensione dai contorni sfumati, una dimensione eterea dove arrivano lampi di luce sferzante.

Tra le varie canzoni dell’album in questione colpiscono soprattutto Belladonna e Deathless. La prima fa pensare ai già citati Siouxsie and the bansheees. La seconda fa pensare a Massive Attack o Portishead per il suo beat trip hop. Deathless è anche il pezzo migliore di questo album a nostro giudizio. Degna di nota è anche Fractal che sembra volerci lacerare e strappare il cuore dal petto per la sua grande intensità e tensione. Qui il cantato di Robyn Bright è formidabile! Citiamo anche la romantica e melanconica Striped Stockings che ha colpito sia il nostro cuore che la nostra immaginazione e l’avvolgente Who *reprise* che inebria tanto e scatena un uragano di sensazioni…

Un disco notevole *​*​*​de novo​*​*​*: con questo lavoro hamsas xiii ha fatto di tutto per lasciare un “segno inconfondibile”, ha fatto di tutto per generare un sound indimenticabile che resterà scolpito nella nostra memoria…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*