Crea sito

>>BYAR & VENK si raccontano a System failure

1)Benvenuti su System failure. Come nasce questa collaborazione tra Byar e Sciarro, con il determinante aiuto di Giuseppe Fusco, in arte Venk?

BYAR & VENK: io e Giuseppe (Venk) abbiamo sempre lavorato insieme, siamo praticamente soci nel mondo del lavoro e grandi amici al di fuori. Abbiamo sempre avuto ruoli che si compensassero e vicenda, dalla produzione musicale alla strategia di comunicazione e marketing. Lavorando all’idea che ha portato alla realizzazione di Malacrianza, abbiamo deciso affidare la parte scritta e cantata a Sciarro che avevamo conosciuto tempo prima in studio.

2)Come nasce la passione per il rap?

BYAR: Personalmente sono cresciuto ascoltando i grandi tipo Eminem, Dr Dre, Nas ed il rap l’ho sempre vissuto da ascoltatore e fruitore. Solo quando ho iniziato a studiare musica e ad avere idee in mente da proporre, ho pensato di avvicinarmici anche da produttore. In questo caso Malacrianza è il primo album ufficiale che produco.

VENK: Mi sono avvicinato a questo mondo quando ho iniziato il liceo. Ascoltavo i Club Dogo, Inoki, Fabri Fibra, Co’sang e molti altri artisti. Penso che quando si è adolescenti, per via delle varie influenze musicali, è impossibile non ascoltare almeno una volta un brano rap italiano o di qualsiasi altra lingua. All’inizio lo ascoltavo perché mi piacevano molto i testi e le tematiche affrontate, però dopo aver scoperto tutto il mondo della produzione musicale mi sono concentrato su altri generi. Quando abbiamo avuto l’idea dell’album ho preso questo progetto come una sfida, ho iniziato ad approfondire le mie conoscenze sul genere e sul suo mercato per poi poterle applicare sul nostro progetto.

3)Ci sono alcuni rappers di fama nazionale o internazionale dai quali prendete ispirazione?

Byar: Oltre agli artisti esteri che ho citato sopra, in Italia per me Colle Der Fomento, Noyz o Rancore sono sempre presenti nelle mie playlist oltre ad alcuni della nuova scuola.

4)Come è nato Malacrianza? Come è stato girato il video? Insomma, raccontateci tutto…

Byar: Nasce dal bisogno di lanciare un messaggio e di accendere quanto possibile un riflettore sia su di noi che soprattutto sulla nostra musica. In modo pratico era un’idea che già avevamo da tempo ma non abbiamo mai avuto il tempo di dedicarcisi completamente. Il video è stato diretto Da Phaim Bhuiyan all’interno della sede della nostra ex-università ormai, lo IED Di Roma, con l’aiuto di tutta la nostra crew.

5)Il singolo “Malacrianza” fa parte dell’omonimo album. E’ stato difficile registrarlo? Di cosa parla questo album?

Byar: Come ogni progetto che si rispetti ci sono stati alti e bassi, abbiamo avuto delle sessioni incredibili altre invece in cui abbiamo riscontrato più difficoltà. Ma alla fine ne siamo usciti vincitori o almeno spero. Abbiamo cercato di improntare Malacrianza come un disco che descriva la nostra realtà, ma con gli occhi di un osservatore esterno, e del tutto imparziale.

VENK: Curandomi della registrazione di tutti i brani posso dire che la fase di registrazione è stata accompagnata dalla grande professionalità di Sciarro. Malacrianza è un album che parla di maleducazione. Non ci siamo ridotti al semplice significato del termine ma abbiamo cercato di approfondire interpretandola come maleducazione quotidiana. Abbiamo deciso di rendere Sciarro una figura anonima perché lui è solo un narratore dei fatti ed è giusto che la faccia ce la rimette chi compie questi gesti.

6)Ci sono altri progetti in cantiere?

BYAR: Certamente, ho dei beat pronti per altri progetti che presto vedranno la luce.

VENK: Si abbiamo altri progetti in cantiere e vogliamo portare avanti la nostra collaborazione.

7)Voi siete dei rappers…quanto è importante usare la parola per veicolare dei messaggi?

BYAR: In verità noi siamo una squadra, una crew dove oltre a noi tre, che abbiamo figure diverse, ci sono altri componenti, amici e professionisti. In tutto quello che facciamo naturalmente la parola è il mezzo principale, senza la quale non si potrebbe entrare nell testa di chi ci ascolta.

8)Per finire, lasciate un messaggio ai nostri lettori…

Byar & Venk: crediamo di dover dire a tutti i lettori di System Failure di portare avanti sempre le proprie idee indipendentemente dal genere. Con dedizione e attitudine si possono raggiungere traguardi importanti che mai vi aspettereste! Un saluto!!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




*